32. Smoked Beer

Questa categoria include specialty beer con un carattere affumicato.

32A. Classic Style Smoked Beer

Impressioni generali: una birra migliorata dall’affumicato, che mostra un buon equilibrio tra le caratteristiche del “fumo” e della birra, restando tuttavia piacevole da bere. Nei migliori esempi si evidenzia l’equilibrio tra affumicato, luppolo e malto.

Aroma: dovrebbe essere un gradevole equilibrio tra l’aroma previsto dalla birra base e l’affumicato impartito dai malti ”rauch”. L’intensità e le caratteristiche dell’affumicato e della birra base possono variare, nel senso che l’uno o l’altro possono essere prominenti nell’equilibrio. L’affumicato varia da basso a deciso, ma è bene ricordare che la chiave per un prodotto ben fatto è l’equilibrio generale. La qualità e le caratteristiche secondarie dell’affumicato riflettono il legno di provenienza (frassino, quercia, faggio). Sono inappropriati aromi acuti, aspri, fenolici, di gomma o di bruciato.

Aspetto: variabile, ma deve riflettere lo stile della birra base, anche se il colore della birra è spesso lievemente più scuro dello stile base.

Gusto: come per l’aroma, deve esserci un equilibrio tra l’affumicato e i gusti previsti dallo stile della birra base. L’affumicato varia da basso a deciso. Il gusto dell’affumicato varia dal legnoso a qualcosa di simile alla pancetta, a seconda del tipo di malti usati. L’equilibrio tra le caratteristiche della birra base e l’affumicato possono variare, anche se il connubio risultante deve essere in qualche modo equilibrato e gradevole. L’affumicato può aggiungere del secco nel finale. Sono in genere inappropriati gusti aspri, amari, di bruciato, catrame, gomma, solfurei, medicinali o fenolici derivati dall’affumicato, anche se alcune di queste caratteristiche possono essere presenti in alcuni stili base e il malto affumicato non dovrebbe contribuire ad accrescerle.

In bocca: boccato variabile a seconda dello stile della birra base. Sono inappropriati una sensazione significativa di astringenza e un’asprezza fenolica derivata dall’affumicato.

Commenti: questo stile riguarda qualsiasi birra che abbia un proprio stile e che presenti l’affumicato come aroma e gusto principali, a parte la Rauchbier nello stile di Bamberg, cioè una Märzen affumicata con legno di faggio, già dettagliata in precedenza. Qualsiasi stile di birra può essere affumicato, l’obiettivo è di raggiungere un piacevole equilibrio tra il carattere dell’affumicato e lo stile base della birra. Le birre in concorso dovrebbero essere giudicate per l’aderenza allo stile e sul bilanciamento con l’affumicato. Le birre che citano un affumicato caratteristico saranno giudicate secondo la riconoscibilità delle caratteristiche affumicate e per come queste si sposino con lo stile base. Infine, le birre dovrebbero essere giudicate principalmente sull’equilibrio globale e su come le caratteristiche dell’affumicato migliorano la birra base.

Storia: la procedura di usare malti affumicati è stata adattata a molti stili birrari da parte dei produttori artigianali. I birrai tedeschi hanno tradizionalmente impiegato malti affumicati nelle Bock, Doppelbock, Weissbier, Dunkel, Schwarzbier, Helles, Pils e in altre specialità.

Ingredienti: i diversi legni usati per affumicare il malto impartiscono gusto e aroma caratteristici e unici. Si possono usare malti affumicati con faggio o altri legni duri (quercia, acero, mesquite, ontano, pecan, melo, ciliegio e altro legno di alberi da frutto). I vari legni possono far ricordare qualche prodotto affumicato per un collegamento alimentare (ad esempio il noce americano con le cotolette, l’acero con la pancetta o le salsicce e l’ontano col salmone). Non si dovrebbero mai usare legno di piante sempreverdi perché aggiungerebbe al malto un gusto di medicinale o di conifera. Un malto con marcato torbato è universalmente indesiderabile per la terrosità e i fenoli aspri e pungenti. I restanti ingredienti variano a seconda dello stile base. Se i malti affumicati sono combinati con altri ingredienti insoliti (frutta, verdure, spezie, miele, ecc.), la birra risultante deve essere inserita nella categoria seguente, la Specialty Smoked Beer.

Istruzioni per il concorrente: si deve specificare una birra base di stile classico e dichiarare il tipo di legno o di affumicatura, se sono percepibili le caratteristiche varietali del legno stesso.

Numeri: variabili a seconda dello stile della birra di base.

Esempi commerciali: Alaskan Smoked Porter, Schlenkerla Weizen Rauchbier and Ur-Bock Rauchbier, Spezial Lagerbier, Weissbier and Bockbier, Stone Smoked Porter

Tag: specialità, affumicata.

32B. Specialty Smoked Beer

Una Specialty Smoked Beer è una birra affumicata basata su qualcosa di diverso rispetto a uno stile classico oppure qualsiasi tipo di birra affumicata con ingredienti aggiuntivi (frutta, vegetali, spezie) o realizzata con procedure che la trasformano in qualcosa di ancora più unico.

Impressioni generali: una birra migliorata dall’affumicato che mostra un buon equilibrio tra le caratteristiche del “fumo”, della birra e degli ingredienti aggiunti, restando tuttavia piacevole da bere. Nei migliori esempi si gradisce l’equilibrio tra affumicato, luppolo e malto.

Aroma: dovrebbe essere un gradevole equilibrio tra l’aroma atteso dalla birra base e l’affumicato impartito dai malti e dai vari ingredienti aggiuntivi. L’intensità e le caratteristiche dell’affumicato, della birra base e delle aggiunte possono variare, nel senso che l’uno o l’altro possono essere prominenti nell’equilibrio. L’affumicato varia da basso a deciso, ma è bene ricordare che la chiave per un prodotto ben fatto è l’equilibrio generale. La qualità e le caratteristiche secondarie dell’affumicato riflettono il legno di provenienza (ontano, quercia, faggio). Sono inappropriati aromi eccessivi, aspri, fenolici, di gomma o di bruciato.

Aspetto: variabile, ma deve riflettere lo stile della birra base, anche se il colore della birra è spesso lievemente più scuro dello stile base. L’uso di certi frutti e spezie può anche influenzare il colore e le sfumature della birra.

Gusto: come per l’aroma, ci deve essere un equilibrio tra l’affumicato e i gusti attesi dallo stile della birra base e dalle aggiunte. L’affumicato varia da basso a deciso. Il gusto dell’affumicato varia dal legnoso a qualcosa di simile a pancetta, a seconda del tipo di malti usati. L’equilibrio tra le caratteristiche della birra base e l’affumicato possono variare anche se il connubio risultante deve essere in qualche modo equilibrato e gradevole. L’affumicato può aggiungere secchezza nel finale. Sono in genere inappropriati gusti aspri, amari, bruciati, di catrame, gomma, solfurei, medicinali o fenolici derivati dall’affumicato, anche se alcune di queste caratteristiche possono essere presenti in alcuni stili base e il malto affumicato non dovrebbe contribuire ad accrescerli.

In bocca: boccato variabile a seconda dello stile della birra base. Sono inappropriati sensazioni significative di astringenza e un’asprezza fenolica derivata dall’affumicato.

Commenti: qualsiasi stile di birra può essere affumicato, l’obiettivo è quello di raggiungere un piacevole equilibrio tra il carattere dell’affumicato e lo stile base della birra. Le birre in concorso dovrebbero essere giudicate sull’aderenza allo stile e sul bilanciamento con l’affumicato. Le birre che citano un affumicato caratteristico saranno giudicate secondo la riconoscibilità delle caratteristiche affumicate e per come queste si sposino con lo stile base. Infine le birre dovrebbero essere giudicate principalmente sull’equilibrio globale e su come le caratteristiche dell’affumicato e degli ingredienti aggiunti migliorano la birra base.

Ingredienti: i diversi legni usati per affumicare il malto impartiscono gusto e aroma caratteristici e unici. Si possono usare malti affumicati con faggio o altri legni duri (quercia, acero, mesquite, ontano, pecan, melo, ciliegio e altro legno di alberi da frutto). I vari legni possono far ricordare qualche prodotto affumicato per un collegamento alimentare (ad esempio il noce americano con le cotolette, l’acero con la pancetta o le salsicce e l’ontano col salmone). Non si dovrebbe mai usare legno di piante sempreverdi perché aggiungerebbe al malto un gusto da medicinale o da conifera. Un malto con marcato torbato è universalmente indesiderabile per la terrosità e i fenoli aspri e pungenti. I restanti ingredienti variano a seconda dello stile base. Altri ingredienti insoliti (frutta, verdure, spezie, miele, ecc.) vanno usati in quantità percepibili.

Istruzioni per il concorrente: si deve specificare lo stile della birra di base che non necessariamente deve essere uno stile classico e dichiarare il tipo di legno o di affumicatura, se sono percepibili le caratteristiche varietali del legno stesso; infine si devono specificare gli ingredienti aggiunti o le procedure che hanno reso la birra in questione una Specialty Smoked Beer.

Numeri: variabili a seconda dello stile della birra di base.

Tag: specialità, affumicata.