Birra dell’anno 2022: Tutti i vincitori della XVII edizione

Published by: Redazione – Category: In Primo Piano – Day: 04 Maggio 2022


Le migliori birre artigianali del 2022 sono state premiate nella prima giornata di Cibus, che ha ospitato nella Sala Barilla la premiazione di Birra dell’Anno 2022, concorso organizzato da Unionbirrai ormai giunto alla XVII edizione. Presentata dallo speaker radiofonico Lorenzo Dardano, la cerimonia ha svelato tutte le birre vincitrici di quest’anno nelle 45 categorie del concorso e il premio Birrificio dell’Anno, che è andato a Ritual Lab.

Il birrificio del Lazio ha infatti conquistato con le sue birre vari premi e menzioni, tra cui ben 4 primi posti con le birre: Kush nella categoria 14 – Birre chiare e ambrate, alta fermentazione, medio grado alcolico, luppolate, di ispirazione americana (American IPA), Self Examination  nella categoria 35 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico, affinate in legno, Gose nella categoria 41 – Birre chiare, alta fermentazione, basso grado alcolico salate e/o lattiche, di ispirazione tedesca (Berliner, Gose), Italian Uncommon Ale nella categoria 45 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico, di ispirazione libera e non rientranti in nessuna delle precedenti categorie (Extraordinary Ale/Extraordinary Lager).

Ritual Lab birrificio dell'anno 2022

Tanti, però, sono stati i riconoscimenti assegnati. La regione con il maggior numero di produttori premiati è stata la Lombardia, con ben 26 birrifici che hanno conquistato con le loro birre podi e menzioni, seguita dal Piemonte con 14 e da Emilia Romagna e Veneto con 10.

A definire i premiati sono stati i 60 giudici internazionali provenienti da 14 differenti Paesi impegnati nelle degustazioni dal 23 al 25 aprile, che hanno selezionato le 3 birre vincitrici e le 2 menzioni per tutte le categorie fra le 1962 iscritte al concorso da 244 produttori.

Andiamo ora a conoscere il birrificio e la birra che si sono aggiudicate l’ambito riconoscimento:

Cat. 1 – Birre chiare, bassa fermentazione, basso grado alcolico, di ispirazione tedesca e ceca (German e Bohemian Pilsner)

1° posto: 50&50 – Manbassa

2° posto: Beer In – Gil

3° posto: Birrificio Lariano – Urkuè

Menzioni:

Doctor B Brewpub – Ippi

Cat. 2 – Birre chiare, bassa fermentazione, basso grado alcolico, di ispirazione tedesca, caratterizzata dall’evidente presenza di luppolo d’aroma e d’amaro di ispirazione tedesca (Italian Pilsner)

1° posto: Manerba – Luppululà

2° posto: Rurale – 405040

3° posto: Birrificio Italiano – Tipopils

Menzioni:

Birra Elvo – Pils

Molesto società agricola S.S. – Tilma

Cat. 3 – Birre chiare, bassa fermentazione, basso grado alcolico, di ispirazione europea (European Lager, Helles, Zwickl, Keller, Dortmunder Export)

1° posto: Lucky Brews – Franz

2° posto: 4 Mori – Pozzo 16

3° posto: Busa dei Briganti – Eva K

Menzioni:

Opperbacco – Rusthell

Rurale – Bud Scars Kellerpils

Cat. 4 – Birre chiare ed ambrate, bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico, caratterizzate dall’evidente presenza di luppolo d’aroma e d’amaro di ispirazione americana (Hoppy Lager, Imperial Hoppy Lager)

1° posto: Vertiga – Alchemy

2° posto: Mister B – Boh 13 Nz Lager

3° posto: Bondai – Lamrock 623

Menzioni:

Lambrate – American Magut

Lariano – Bassa Marea

Cat 5 – Birre chiare e ambrate, alta fermentazione, basso grado alcolico di ispirazione anglosassone (English Golden Ale, English Pale Ale)

1° posto: Rebel’s – Secret view

2° posto: Fabbrica della Birra Perugia – Golden Jazz

3° posto: Foglie d’Erba – Haraban

Menzioni:

Muttnik – Sputnik 01

Monpier de Gherdeina – Sasplat

Cat. 6 – Birre chiare e ambrate, fermentazione ibrida, basso grado alcolico di ispirazione tedesca o americana (Kolsch, Alt, California Common, Cream Ale)

1° posto: MC77 – Glu Glu

2° posto: La Villana – Cinque

3° posto: Canediguerra – Cream Ale

Menzioni:

Diciottozerouno – Grun

Croce di Malto – Hauria

Cat. 7 – Birre ambrate e scure, bassa fermentazione, basso grado alcolico d’ispirazione tedesca (Vienna, Marzen, Munich Dunkel, Schwarz, Dark Lager)

1° posto: Beha Brewing Company – Gaudio

2° posto: Leumann – La tenebrosa

3° posto: Elvo – Schwarz

Menzioni:

Muttnik – Sputnik03

Lieviteria – Pavel

Cat. 8 – Birre chiare, ambrate e scure, bassa fermentazione, alto grado alcolico di ispirazione tedesca (Bock, Doppelbock, Eisbock, Hellerbock, Maibock, Strong Lager)

1° posto: Lambrate – Einfahrt

2° posto: Lambrate – Porpora

3° posto: The Wall – Billygoat

Menzioni:

Batzen – Heller Bock

Leumann – Matto di Collegno

Cat. 9 – Birre ambrate, alta fermentazione, basso e medio grado alcolico, di ispirazione britannica (Mild, British Bitter, Extra Special Bitter, Irish Red Ale, British Brown Ale)

1° posto: Birrificio Sant’Andrea – Rossa del Gallo

2° posto: Leumann – Rubino

3° posto: Filodilana – Borgna

Menzioni:

100venti – Roger Bitter

Birdò – Sobona Rossa

Cat. 10 – Chiare, bassa fermentazione, basso/medio grado alcolico, luppolate (India Pale Lager)

1° posto: The Lure – Hop Revolution

2° posto: Candediguerra – Chillbomb

3° posto: Soralamà – Bitrex California

Menzioni:

Railroad Brewing Company – Aristoteles

CR/AK Brewery – Aromatherapy After Sauna

Cat. 11 – Chiare e ambrate, alta fermentazione, basso/medio grado alcolico, luppolate, di ispirazione anglosassone (English IPA)

1° posto: Trulla – English Ipa #2

2° posto: Balabiòtt – Rabelott

3° posto: Beer In – Hop Hop

Cat 12 – Chiare, ambrate e scure, alta fermentazione, basso grado alcolico, luppolate, di ispirazione angloamericana (Session APA, Session AIPA, Session IPA)

1° posto: Mazapegul – Curva Mare

2° posto: Ofelia – Infradipa

3° posto: Eastside Brewing – Abra Cadabra

Menzioni:

Balabiòtt – Gavage

La Curtense – Ipa

Cat. 13 – Chiare e ambrate, alta fermentazione, basso grado alcolico, luppolate, di ispirazione americana (American Pale Ale)

1° posto: Bibibir – Granapa

2° posto: Mister B – Tafat

3° posto: The Wall – Sunray

Menzioni:

Ritual Lab – Headspace

Croce di Malto – Birra Jazz

Cat. 14 – Chiare e ambrate, alta fermentazione, medio grado alcolico, luppolate, di ispirazione americana (American IPA)

1° posto: Ritual Lab – Kush

2° posto: Ritual Lab – Make West Coast Ipa Great Again

3° posto: Birra Gaia – Aradia

Menzioni:

Antikorpo Brewing – In The Flesh

Lariano – American Hype

Cat. 15 – Birre chiare e ambrate, alta fermentazione, alto grado alcolico, luppolate, di ispirazione angloamericana (Double IPA, Imperial IPA)

1° posto: Mukkeller – Space Pigs

2° posto: Rebel’s – Tropical Bomb

3° posto: Lambrate – Quarantot

Menzioni:

Ritual Lab – Bob The Younger

Railroad brewing company – Zlatan

Cat. 16 – Birre chiare, alta fermentazione, basso e medio grado alcolico, con uso di frumento ed altri cereali, luppolate di ispirazione angloamericana (White IPA, American Wheat)

1° posto: Malaspina – Spiga

2° posto: Bibibir – 6A

3° posto: 100venti – American Bianchina

Menzioni:

Lzo drop out – White Ipa

Cat. 17 – Birre ambrate e scure, alta fermentazione, da basso ad alto grado alcolico, luppolate, di ispirazione angloamericana (Red IPA, Brown IPA, Black IPA)

1° posto: Vecchia Orsa – Rye Charles

2° posto: Birra 100Venti – Apache

3° posto: Sguaraunda – Bombarolo

Menzioni:

The Brave – Not a paper tiger black edition

Gaia – Onirica

Cat. 18 – Birre chare, ambrate e scure, alta fermentazione, da basso ad alto grado alcolico, luppolate, di ispirazione angloamericana (Speciality IPA; Rye IPA, Belgian IPA, AIPA e APA fermentate a bassa)

1° posto: Opperbacco – Triplipa

2° posto: Mukkeller – Tulio

3° posto: Lambrate – Robb de Matt

Cat. 19 – Chiare e ambrate, alta fermentazione, massicciamente luppolate in aroma, di ispirazione statunitense (New England IPA)

1° posto: Edit Brewing – Liquifade

2° posto: MC77 – Avant Green

3° posto: Ritual Lab – Holy Haze

Menzioni:

Gaia – Glory Hop

CR/AK Brewery – Giant Guerrilla API Treatment

Cat. 20 – Strong Ale di ispirazione angloamericana (English Strong Ale, American Strong Ale, Scottish Ale export, Heavy Scottish Ale)

1° posto: Okorei – Tramalti

2° posto: Malaripe – Zona Rossa

3° posto: MC77 – Crystal Bold

Menzioni:

Cittavecchia – Formidable

Argo – Red Blues

Cat. 21 – Birre scure, alta fermentazione, basso grado alcolico, d’ispirazione anglosassone (Porter, Stout)

1° posto: Otus – Ambranera

2° posto: Turris Birra – Ponte di Ferro

3° posto: Batzen – Ur Porter

Menzioni:

Gravità Zero – TreebAle Stout

Birrificio del Vulture – Gnostr

Cat. 22 – Birre scure, alta fermentazione, basso grado alcolico di ispirazione americana (American Porter, American Stout)

1° posto: Mukkeller – Corva Nera

2° posto: Hammer – Bulk

3° posto: Badalà – Storter

Menzioni:

La Curtense – Nera

Brewp – Chimneysweeper

Cat. 23 – Scure, alta fermentazione, alto grado alcolico di ispirazione angloamericana (Robust/Baltic Porter, Imperial Porter, Russian Imperial Stout)

1° posto: La Villana – Vol.1

2° posto: Hammer – Daarbulah

3° posto: Eastside Brewing – Sleazy Way

Menzioni:

Birra Bellazzi – Night Train-Birra Digre

Birrificio dei Castelli – Super Partes

Cat. 24 – Alta fermentazione, alto grado alcolico di ispirazione angloamericana (Barley Wine, Old Ale, American Barley Wine)

1° posto: CR/AK Brewery – Mansueto 2017

2° posto: Birrificio della Granda – Barley Wine

3° posto: CR/AK Brewery – Mansueto 2021

Menzioni:

Claterna – Aliisa

Brùton – Dieci

Cat. 25 – Birre chiare, ambrate e scure, alta fermentazion con lievito Weizen, uso di frumento maltato, da basso ad alto grado alcolico di ispirazione tedesca (Weizen, Dunkelweizen, Weizenbock)

1° posto: Batzen – Weiiser Bock

2° posto: Manerba – Weizen

3° posto: Società agricola del Graal – Merlino

Menzioni:

Les bieres du grand saint bernard – Blou

Mad One – Banana Soul

Cat. 26 – Birre chiare, alta fermentazione, basso grado alcolico, con uso di frumento non maltato, di ispirazione belga (Blanche, Witbier)

1° posto: Birrificio Via Priula – Corna Bianca

2° posto: Manerba – Fiordalisa

3° posto: Brew Gruff – Blanche

Menzioni:

MC77 – San Lorenzo

5+ Birrificio artigianale – Blanche

Cat. 27 – Birre chiare, alta fermentazione, bassa gradazione alcolica, di ispirazione belga (Belgian Blond, Belgian Pale Ale)

1° posto: Mukkeller – Zona Mugnetti

2° posto: Bibibir – Olen

3° posto: Saragiolino – Vale

Menzioni:

Filodilana – Beeela

Metzger – Thunder Ale

Cat. 28 – Birre chiare e ambrate, alta fermentazione, da basso ad alto grado alcolico, di ispirazione belga (Saison, Biere de Garde, Farmhouse Ale)

1° posto: Serra Storta – Piper

2° posto: Elissor – Citrus

3° posto: Birrificio Via Priula – Safrà

Menzioni:

Amerino – Northup

Cat. 29 – Birre chiare, alta fermentazione, alto grado alcolico di ispirazione belga (Belgian Golden Strong Ale, Tripel)

1° posto: Aviam Beer – Grandma’s House

2° posto: Birrificio del Forte – La Mancina

3° posto: Jungle Juice Brewing – Anneau De Noel – 2021

Menzioni:

Manerba – The Belgian Queen

Elissor – Winja N25

Cat. 30 – Birre scure, alta fermentazione, alto grado alcolico di ispirazione belga (Belgian Dark Strong Ale, Dubbel, Quadrupel)

1° posto: Bibibir – Vedo doppio

2° posto: MC77 – Ape Regina in Inverno

3° posto: Birranova – Primatia

Menzioni:

Picobrew – Twaalf

Birra Eretica – Balurdon

Cat. 31 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso di spezie

1° posto: Rebel’s – Sunshine Blanche

2° posto: MC77 – Fleur Sofronia

3° posto: Incanto – 21 12

Menzioni:

5+ Birrificio artigianale – Shirin Persia

Anbra – D’Oro Rosso

Cat. 32 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso di caffè e/o cacao

1° posto: Eastside Brewing – Baltic Cookie

2° posto: Rebel’s – Real Man Never Cry

3° posto: Mister B – Boodino

Menzioni:

Fabbrica della birra Perugia – DDC

Lambrate – Tiramisù Imperial Stout

Cat. 33 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso di cereali speciali (compresi grani antichi)

1° posto: 61Cento – Mayo

2° posto: Rebeers – Fovea Light

3° posto: Sabino – Il Re

Menzioni:

Eastside Brewing – Baciami Ancora

Brauhaus Gmbh – Rienzbräu – Dinkel

Cat. 34 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico affumicate e torbate

1° posto: Lzo – Rusty

2° posto: Serra Storta – Alba

3° posto: Batzen – Smoky Bock

Menzioni:

Mukkeller – M.S Mukkeller Smock

Carrobiolo – Nerone

Cat. 35 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico affinate in legno

1° posto: Ritual Lab – Self Examination

2° posto: Lesster – Ventinovedodici

3° posto: Brewfist – Trinidad El Vasco

Menzioni:

Opperbacco – N°1 Extravecchio

LZO – Drop Out Islay single malt barrel

Cat. 36 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso frutta e castagne

1° posto: 50&50 – Black Rooster

2° posto: Via Priula – Rosa

3° posto: Birrificio italiano – Padosè

4° posto: Beltaine – Beltaine Castagne Affumicate

Menzioni:

Leder – Pastei

Cat. 37 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso di castagne

1° posto: Picobrew – Marron Fumé

2° posto: 5+ Birrificio artigianale – Castanea

3° posto: La Villana – Winterchest

Menzioni:

Vecchia Orsa – Spacca

4 Mori – Pozzo 3

Cat. 38 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso di miele

1° posto: Gravità Zero – Honey Moon

2° posto: Sguaraunda – Murator

3° posto: La Curtense – Km0 vecchio stile

Menzioni:

Batzen – Honey

Gaia – Miee

Cat. 39 – Birre chiare, ambrate e scure, fermentazione alta, mista, spontanea, Brettanomyces, da basso ad alto grado alcolico, caratterizzate dalle note acide con aggiunte di frutta (Sour Fruit Ale)

1° posto: Rurale – Simphonia di Frutto della Passione

2° posto: Carrobiolo – Monz Chéri

3° posto: Ritual Lab – Juice Party Vol.3 – Raspberry Sour Ale

Menzioni:

Mister B – Boschetto

Piccolo birrificio clandestino – Mastro Ciliegia

Cat. 40 – Birre chiare, ambrate e scure, fermentazione alta, mista, spontanea, Brettanomyces, da basso ad alto grado alcolico, caratterizzate dalle note acide senza aggiunte di frutta (Sour Farmhouse/Sour Ale)

1° posto: Monpier de Gherdenia – Wild Lichtenainer

2° posto: Piccolo birrificio clandestino – St. Julienbach

3° posto: Opperbacco – Abruxensis Fiori

Menzioni:

Retorto – Succo di Suocera

Podere La Berta – Vècc Barrel

Cat. 41 – Birre chiare, alta fermentazione, basso grado alcolico salate e/o lattiche di ispirazione tedesca (Berliner, Gose)

1° posto: Ritual Lab – Gose

2° posto: Birra Fon – Agra

3° posto: Rethia – Gose

Menzioni:

Birrificio dei Castelli – Mare Nostrum

Bondai – Lost Paradise

Cat. 42 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso di uva, mosto, vinacce, vino cotto di uve bianche (White Italian Grape Ale)

1° posto: 50&50 – Graziella

2° posto: Birra dell’Eremo – Genesi

3° posto: Bruton – Limes Rosa

Menzioni:

Birrificio Sant’Andrea – Buk

Ruben Gallia – Brewine

Cat. 43 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso di uva, mosto, vinacce, vino cotto di uve rosse (Red Italian Grape Ale)

1° posto: Alba – IGA con uve rosse

2° posto: Chianti Brew Fighters – La Rivolta 2019

3° posto: Birrificio di Montepulciano – Politianus I.G.A.

Menzioni:

The Wall – Cargo

Filodilana – Fuori dal Gregge #2

Cat. 44 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso di uva, mosto, vinacce, vino cotto di uve rosse o bianche, caratterizzate dalle note acide (Sour Italian Grape Ale)

1° posto: Birra dell’Eremo – Selva Sour

2° posto: CR/AK Brewery – Cantina Keno 2018

3° posto: Alveria – Regola Zero

Menzioni:

Birranova – Ruffiana

Beer In – Piacentiga

Cat. 45 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico di ispirazione libera e non rientranti in nessuna delle precedenti categorie (Extraordinary Ale / Extraordinary Lager)

1° posto: Ritual Lab – Italian Uncommon Ale

2° posto: Birrificio del Forte – Birrasanta

3° posto: Ofelia – Beergamotta

Menzioni:

CR/AK Brewery – Cantina Giotto

Retorto – Acqua Passata

Anche nel 2022 il concorso di Unionbirrai ha registrato quindi grandi numeri e dato dimostrazione della grande qualità delle birre italiane. “La XVII edizione di Birra dell’Anno può essere definita l’edizione della ripresa e i numeri ne sono la prova. Inoltre, siamo orgogliosi afferma Simone Monetti, ancora una volta di aver dato importante dimostrazione di come l’identità brassicola italiana sia sempre più matura e definita, inserendo in concorso le categorie Italian Pils e le diverse categorie dedicate alle IGA.

PUBBLICATO DA

Redazione

Nonsolobirra è un portale che si occupa di informazione e cultura birraria, nato nell'autunno del 2008 da un idea di Stefano “collezionista e amante di tutto ciò che è birra”.

All author posts