31. Alternative Fermentables Beer

Questa categoria include specialty beer con ingredienti aggiuntivi (grani o zuccheri) che apportano caratteristiche distintive.

31A. Alternative Grain Beer

Una birra con cereali alternativi è una birra standard (di stile classico o meno) con l’aggiunta (o esclusivamente con) di cereali per birrificazione non considerati standard (segale, avena, grano saraceno, farro, miglio, sorgo, riso ecc.). Le birre gluten-free (senza glutine) realizzate con ingredienti senza glutine possono essere inserite qui, mentre le birre gluten-free realizzate con processi che rimuovono il glutine dovrebbero essere incluse nelle rispettive categorie della birra base. Vedasi l’introduzione della sezione Specialty-Type Beer per ulteriori commenti, in particolare per la valutazione dell’equilibrio degli ingredienti aggiunti alle birre base.

Impressioni generali: una birra base migliorata o caratterizzata dal gusto dei cereali aggiunti. Il carattere specifico dipende dalle caratteristiche dei cereali aggiunti.

Aroma: il medesimo dello stile della birra base. I cereali aggiunti possono apportare un particolare carattere, anche se con alcuni cereali la birra potrà semplicemente avere un maggiore aroma di cereale o nocciola. Il cereale alternativo dovrebbe fornire l’apporto più importante nel profilo aromatico della birra.

Aspetto: lo stesso dello stile della birra base, anche se può essere visibile maggiore torbidezza.

Gusto: lo stesso dello stile della birra base. Si dovrebbe percepire il gusto del cereale aggiunto, anche se non è necessariamente individuabile. Tuttavia, il cereale alternativo dovrebbe fornire l’apporto più importante nel profilo aromatico della birra. Cereali diversi hanno caratteristiche differenti ma i cereali aggiunti dovrebbero comunque migliorare il gusto della birra base. Molti di essi impartiranno un gusto di pane o di cereale o di nocciola.

In bocca: lo stesso dello stile della birra base, ma molti dei cereali aggiunti tendono ad aumentarne il corpo (avena, segale) e aumentare la viscosià, mentre in alcuni casi dominuiscono il corpo (cereali senza glutine).

Commenti: se il cereale alternativo non fornisce un carattere identificabile alla birra, questa deve essere iscritta nella categoria dello stile base. Questa categoria non deve essere utilizzata per quegli stili in cui il cereale alternativo è fondamentale per la definizione di stile (ad esempio: Rye IPA, Oatmeal Stout, International Lager con riso o mais). Si noti che il sake non è birra e non deve essere incluso in quest categoria).

Istruzioni per il concorrente: si deve specificare lo stile base che non necessariamente deve essere uno stile classico. Inoltre si deve specificare il cereale alternativo usato.

Numeri: OG, FG, IBU, SRM e ABV variabili a seconda della birra base sottostante.

Esempi commerciali: Green’s Indian Pale Ale, Lakefront New Grist, New Planet Pale Ale

Tag: specialità.

31B. Alternative Sugar Beer

Una birra con prodotti fermentabili alternativi è una birra standard (di stile classico o no) con l’aggiunta di zuccheri fermentabili (miele, zucchero di canna, zucchero invertito, melasse, sciroppo d’acero, sorgo, ecc.). Vedasi l’introduzione della sezione Specialty-Type Beer per ulteriori commenti, in particolare per la valutazione dell’equilibrio degli ingredienti aggiunti alle birre base.

Impressioni generali: un matrimonio armonioso tra zuccheri e birra ma ancora riconoscibile come birra. Le caratteristiche degli zuccheri dovrebbero essere evidenti ma in equilibrio con la birra e non eccessive, da far pensare ad un prodotto artificiale.

Aroma: lo stesso dello stile della birra base salvo che i fermentabili aggiunti (miele, melassa, ecc.) possono aggiungere una componente aromatica. Qualunque sia questa componente, essa dovrebbe essere in equilibrio con i componenti della birra e creare una combinazione gradevole.

Aspetto: lo stesso dello stile della birra base, anche se alcuni zuccheri modificheranno la colorazione.

Gusto: lo stesso dello stile della birra base salvo che i fermentabili aggiunti (miele, melassa, ecc.) possono aggiungere una componente gustativa. Qualsiasi sia la componente gustativa presente, essa dovrebbe essere in equilibrio con i componenti della birra e creare una combinazione piacevole. Gli zuccheri aggiunti non devono avere un gusto grossolano di mancata fermentazione, ma possono aggiungere elementi non fermentabili che rendono il finale più pieno; gli zuccheri totalmente fermentabili snelliscono il finale.

In bocca: lo stesso dello stile della birra base, anche se certi zuccheri aggiunti tendono ad aumentarne o diminuirne il corpo.

Commenti: se i fermentabili aggiunti non aggiungono una caratteristica distinguibile nella birra, questa deve essere inserirla nello stile di base. Una birra col miele non ne deve contenere una quantità tale da farla sembrare più un idromele con birra (cioè il gallese Braggot) che una birra con miele. Questa categoria non deve essere utilizzata per stili in cui gli zuccheri alternativi sono fondamentali per la definizione di stile o nei casi in cui una piccola aggiunta di zuccheri con aromi neutri ha lo scopo di incrementare semplicemente la gravità, aumentare l’attenuazione o alleggerire aromi e corpo; queste birre devono essere iscritte secondo il normale stile base.

Istruzioni per il concorrente: si deve specificare lo stile base che non necessariamente deve essere uno stile classico. Inoltre si deve specificare il tipo di zucchero usato.

Numeri: OG, FG, IBU, SRM e ABV variabili a seconda della birra base sottostante.

Esempi commerciali: Bell’s Hopslam, Fullers Honey Dew, Lagunitas Brown Shugga’

Tag: specialità.