In casa Chianti Brew Fighters cè La Rivolta….

Published by: Redazione          Category: In Primo Piano          Day: 09 Dicembre 2020    

Doverosa e attesa, e nata la prima Italian Grape Ale prodotta dal birrificio toscano; Chianti Brew Fighters, battezzata LA RIVOLTA, da un paziente lavoro di ricerca ed equilibrio tra un mosto di vino a base di Sangiovese, prodotto nelle  splendide colline del Chianti Storico, e un mosto d’orzo creato ad hoc per questa ricetta.

Si tratta di una birra il cui carattere deciso è subito messo in chiaro dall’ utilizzo in quota sostanziosa, pari al 30%, del mosto di Sangiovese, che viene aggiunto in bollitura a una miscela ricavata principalmente da malto Maris Otter: scelta, queste dei malti inglesi, nella quale è racchiuso un gentile omaggio al creatore stesso del mosto di vino, Sean O’Callaghan il Guercio, alias “Mr. Sangiovese”, nonché nostro vicino di cantina  (Tenuta di Carleone).

Al termine della fermentazione, La Rivolta svolge sei mesi di affinamento in acciaio e successivamente viene trasferita in botte ex-Sangiovese, di quarto passaggio, restandovi per sei mesi ancora prima di essere messa in bottiglia, dove pazientemente maturerà per almeno altri dodici.

I profumi di violetta, visciola, mora di gelso e frutti rossi di bosco portati in dote dal vino colpiscono subito l’olfatto regalando una decisa complessità e un’armonica fusione con le note tostate dell’affinamento. All’assaggio la morbidezza della parte maltata fa da base al calore e agli aromi del Sangiovese: quello che l’olfatto presentava al naso, in bocca si esprime con ancora maggiore energia. Il finale decisamente secco, il corpo leggero e il calore alcolico dei suoi 10,5 gradi concludono con eleganza un’esperienza appagante: un viaggio organolettico tra vigneti, cantine e campi d’orzo.

La Rivolta - Italian Grape Ale

La Rivolta sorprende anche in abbinamento con la cucina: provatela insieme a piatti della tradizione toscana, come la bistecca alla fiorentina, la tagliata di manzo, la trippa alla senese, le pappardelle al ragù; o anche con aperitivi a base di crostino nero ai fegatini, pecorino stagionato, porchetta. Se vorrete osare, è pronta a stupire anche con il cacciucco alla livornese e, più in generale, con i piatti di media struttura di tutta la cucina nazionale. Temperatura di servizio consigliata: 10-12 °C.

Più info:

CHIANTI BREW FIGHTERS S.r.l.

Via Guido Rossa 10/C – 53017 Radda in Chianti (SI) Italy

Tel. (+39) 366 837 0024 – www.chiantibrewfighters.it

L'AUTORE:

Redazione

Nonsolobirra è un portale che si occupa di informazione e cultura birraria, nato nell'autunno del 2008 da un idea di Stefano “collezionista e amante di tutto ciò che è birra”.

All author posts