Birraio dell’anno 2023: Va a Enrico Ciani (Birra dell’Eremo) il titolo di miglior birraio d’Italia

Birraio dell'Anno 2023: La premiazione

Oggi, con grande enfasi direttamente dal palco del Teatro TuscanyHall di Firenze, è stato annunciato il nome del Birraio dell’Anno 2023. Questo prestigioso riconoscimento, istituito da Fermento Birra, ha visto competere alcuni dei nomi più illustri nel panorama brassicolo nazionale. Il titolo di Birraio dell’Anno è paragonabile al “Pallone d’Oro della birra”, un’autentica consacrazione del miglior professionista del settore, e viene attribuito in base ai voti degli esperti del settore.

Enrico Ciani

In una cerimonia sontuosa, Birraio dell’Anno 2023 è stato eletto: ENRICO CIANI del birrificio Birra dell’Eremo, classificatosi terzo la scorsa edizione. Enrico, ha superato la concorrenza di Marco Valeriani (Alder) e Giovanni Faenza (Ritual Lab), che si sono piazzati rispettivamente al secondo e terzo posto, completando un podio da paura!

Ciani prende il testimone da Valeriani (classificatosi al secondo posto) di Alder, il quale aveva conquistato il titolo nell’edizione precedente.

Al quarto posto si sono distinti Matteo Pomposini e Cecilia Scisciani di MC77 di Serrapetrona (MC), mentre al quinto posto figura Luca dalla Torre del birrificio Bondai di Sutrio (UD).

Una competizione di altissimo livello che ha visto emergere eccellenze nel mondo della birra artigianale.

Mattia Bonardi

C’è sempre un notevole interesse attorno al premio per il Birraio Emergente, inserito nel contest del Birraio dell’Anno, che riconosce il produttore con meno di due anni di attività alle spalle. Questo riconoscimento non solo permette di valutare il ricambio generazionale e il valore delle nuove leve nel settore, ma offre anche un’opportunità di cogliere alcune tendenze riguardo al gusto e alla filosofia produttiva che caratterizzano i produttori emergenti.

Dal palco del Teatro TuscanyHall, il verdetto è stato chiaro: a vincere il titolo di Birraio dell’Anno nella categoria Emergenti è stato MATTIA BONARDI di Nama Brewing, che precede nell’ordine Stefano Balestra di Humus e Aris di Marco di Zona Mosto

Complimenti a Enrico e Geltrude di Eremo per l’ottimo risultato conseguito grazie al notevole impegno profuso negli anni. Estendiamo inoltre i nostri complimenti a Valeriani e Faenza, che sono ormai presenze abituali sul podio del birraio dell’anno. Un caloroso benvenuto nell’Olimpo a Mattia Bonardi.

Informazioni su Redazione 1008 Articoli
Nonsolobirra è un portale che si occupa di informazione e cultura birraria, nato nell'autunno del 2008 per Ascoltare e parlare di Birra Artigianale