Ebbene sì, il titolo è un gioco di parole: da “Weiss” a “Vais”, storpiando la grafia, stiamo infatti parlando della tipica birra di frumento di impronta tedesca. Nella fattispecie una Hefeweizen (ossia quella che contiene il lievito in sospensione) ideata dal biersommelier barlettano Michele Francesco Dipasquale. Michele si presenta peraltro come un personaggio decisamente versatile: autore dell’e-book “Chi ha inventato la birra”, dei blog Quality Beer e weissbirra.it; biersommelier Doemens; fondatore dell’e-commerce Quality Beer e di birra Vais, di cui ha creato la ricetta – prodotta al momento presso lo stabilimento piemontese di BeerIn. Devo ammettere quindi a corollario che è stato curioso venire a conoscenza non soltanto di questa birra, ma anche delle altre iniziative imprenditoriali che ci stanno attorno.

Intento dichiarato di Michele era quello di fare una birra, e una Weiss nello specifico – stile di cui si è appassionato appunto in Germania – che si abbinasse a tutto pasto con la tipica cucina mediterranea; e che, parole sue, non “gonfiasse lo stomaco come un pallone”. Una birra quindi che rientrasse sì nello stile, ma con qualche concessione alla reinterpretazione secondo la sua sensibilità.

E in effetti lo stile rimane pienamente riconoscibile: pur leggermente più scura delle Weizen classiche, e meno opalescente di quanto ci si potrebbe aspettare da una birra con il 70% di frumento e naturalmente non filtrata, i tipici aromi di chiodi di garofano, banana e vaniglia non lasciano dubbi; pur rimanendo su toni moderati, a vantaggio della componente del cereale e di una leggera nota citrica. Corpo non eccessivamente carbonato e snello e scorrevole, per quanto non esile, mette in evidenza in particolare una certa componente “grezza” del cereale (intesa non nel senso negativo di “sgraziata”, ma nel senso di “verace”), anche qui però senza eccessi; prima di chiudere su un finale in cui emerge in particolare la componente acidula del frumento, insieme ad un taglio amaro forse più intenso che in altre Weizen – ma nel complesso non più evidente, in quanto bilanciato appunto con l’acidulo.

L’ho naturalmente provata a tavola, date le premesse; e la mia impressione è stata quella che la sua versatilità risieda appunto nell’evitare caratterizzazioni particolarmente marcate – né all’aroma, né al palato, né in chiusura – pur senza uscire dalle linee dello stile di riferimento. Una birra rispondente alle intenzioni di chi l’ha creata, e riuscita nell’essere elaborata di conseguenza.

Lo staff del portale Nonsolobirra.net, ringrazia Chiara Andreola

per la disponibilità e la collaborazione.

http:// chiaraandreola.blogspot.it/ 

AUTHOR PROFILE

Chiara Andreola

Veneta di nascita e friulana d'adozione, dopo la scuola di giornalismo a Milano ho lavorato a Roma e Bruxelles. Approdata a Udine per amore, qui è nata la mia passione per la birra artigianale. E non smetto di coltivarla. Fondatrice del blog: https://chiaraandreola.blogspot.com/

All author posts