Coronavirus, la birra Corona ferma la produzione

Estero

Prima vittima della psicosi e ora delle misure anti contagio. E’ un calvario quello che sta attraversando la birra Corona, tanto che il produttore messicano, Grupo Modelo, ha annunciato la sospensione delle proprie attività a causa della pandemia del Coronavirus.

La birra sudamericana infatti – da bere tassativamente con una fettina di limone -, circa un mese fa, era rimasta ‘vittima’ dell’associazione fra il proprio nome e quello del morbo di provenienza cinese. Tale era stata forte la ‘tirannia da social’, che il marchio aveva ritenuto opportuno chiarire al mondo come non vi fosse alcuna connessione fra la bevanda e il Coronavirus.

Ma ora la pandemia si fa sentire, e da domenica entrerà in vigore la sospensione della produzione e della commercializzazione delle birre del gruppo (in particolare Corona, Pacifico e Modelo) distribuite in 180 Paesi del mondo. Il gruppo ha spiegato che la decisione è in linea con un decreto emanato dal governo messicano il 31 marzo, che ordina la sospensione delle attività non essenziali nel Paese fino al 30 aprile. “Stiamo riducendo la nostra produzione al minimo assoluto per mantenere le nostre strutture senza danni e consentire una ripresa delle attività in futuro”, ha reso noto in un comunicato. Dallo scoppio dell’emergenza, le vendite della birra Corona sono diminuite del 40 per cento negli Stati Uniti.

Il decreto prevede eccezioni per settori chiave dell’economia, come quello alimentare. Modelo ha inoltre chiarito che se le autorità confermassero la natura essenziale della birra, sarebbe pronto a riprendere la produzione, con il 75% del personale impegnato da remoto. Secondo fonti di stampa anche l’altro grande produttore di birra in Messico, Heineken, che commercializza in particolare i marchi Tecate e Dos Equis, potrebbe sospendere le operazioni.

INFORMAZIONI

La Corona Extra, è una birra Pale lager messicana, prodotta dal birrificio Cerveceria Modelo e, limitatamente alla produzione destinata all’esportazione nel territorio statunitense, dalla Constellation Brands

La Corona nasce nel 1925, seconda birra prodotta dal gruppo Modelo. Nel 1940 inizia la commercializzazione delle bottiglie con il marchio serigrafato. A partire dagli anni ’50 la Corona sponsorizza vari eventi sportivi. Nel 1976 inizia l’esportazione negli Stati Uniti d’America, seguiti poi da altri paesi, tra cui l’Italia a partire dal 1989.

Nel 2012, in seguito all’acquisizione del gruppo Modelo da parte della multinazionale Anheuser-Busch InBev, la produzione è stata divisa tra il gruppo Modelo, per il mercato locale e per l’esportazione in tutti i paesi eccetto gli Stati Uniti d’America, e la Constellation Brands, compagnia indipendente dall’AB inBev, per quanto riguarda il mercato americano. La separazione della produzione destinata agli Stati Uniti d’America si è resa necessaria per evitare problemi con l’antitrust…..

Fonte: Giornale della Birra

Informazioni su Redazione 1021 Articoli
Nonsolobirra è un portale che si occupa di informazione e cultura birraria, nato nell'autunno del 2008 per Ascoltare e parlare di Birra Artigianale