Lorenzo Serroni

Onorando, seppure in ritardo, l’invito ricevuto, sono stata a visitare il birrificio The Lure di Fogliano Redipuglia, aperto lo scorso febbraio. Il nome è un gioco di parole tra quello del birraio, Lorenzo Serroni per gli amici Lure’, e il termine inglese “lure” – “esca”, “lusinga”, “tentazione”, a seconda dei contesti: idea “creativa” che, se vogliamo, fa il paio con l’indole di Lorenzo, pianista diplomato al conservatorio che rimane convinto che “vabbè, Chopin era Chopin, ma tu l’hai mai sentito Chopin suonare? No, allora devi dare tu la tua interpretazione del suo pezzo, e non si può dire che un’interpretazione sia a priori giusta o sbagliata”.

Un approccio che si riconosce anche nelle sue birre, in cui, pur rimanendo lo stile ben riconoscibile, il tocco di personalizzazione è altrettanto ben distinguibile.

Sono quattro al momento le birre all’attivo: la German Pils Ludwig (Van Beethoven , naturalmente), la porter affumicata Bird (da Charles “The Bird” Parker, celebre sassofonista jazz americano), la apa Seattle (dalla città natale dei Nirvana e dedicata a Kurt Cobain) e la blanche Pink (sì, avete indovinato, Floyd).

Una passione per la musica, insomma, che va oltre il pianoforte classico, e che Lorenzo dice di applicare anche nel fare le birre: “Quando suono, curo non solo ciascuna singola battuta, ma anche ciascuna singola nota. Magari non se ne accorge nessuno oltre a me e a un altro pianista, ma fa la differenza. Il mio obiettivo è fare lo stesso con la birra: riuscire a curare ogni singolo dettaglio negli ingredienti e nella produzione, per arrivare al miglior risultato finale possibile”.Ho iniziato con la Ludwig, in cui appare subito chiaro che la nota distintiva rispetto altre pils sta in primo luogo nell’aroma: spiccano decise note floreali, di agrume, finanche una punta di miele, più intense della media dello stile. Lorenzo ha spiegato di usare solo luppoli tedeschi – in particolare saphir e hersbrucker, che dà anche leggeri toni speziati – con un leggero dry hopping – da cui la componente aromatica più intensa. Pur risultato beverina come ci si aspetta per lo stile, il corpo è ben presente con la pienezza del cereale tra i toni del pane e quelli del miele; e se la chiusura di un netto amaro citrico fa pensare che sia finita lì, ritorna poi quel leggero sapore di miele, pur senza risultare stucchevole e lasciando comunque la bocca pulita. Per coloro che tendono a trovare molte pils “anonime” questa è senz’altro una buona opzione, risultando al contempo sia pulita, elegante e non invasiva, che con una sua personalità.

Ho iniziato con la Ludwig, in cui appare subito chiaro che la nota distintiva rispetto altre pils sta in primo luogo nell’aroma: spiccano decise note floreali, di agrume, finanche una punta di miele, più intense della media dello stile.

Lorenzo ha spiegato di usare solo luppoli tedeschi – in particolare saphir e hersbrucker, che dà anche leggeri toni speziati – con un leggero dry hopping – da cui la componente aromatica più intensa.

Pur risultato beverina come ci si aspetta per lo stile, il corpo è ben presente con la pienezza del cereale tra i toni del pane e quelli del miele; e se la chiusura di un netto amaro citrico fa pensare che sia finita lì, ritorna poi quel leggero sapore di miele, pur senza risultare stucchevole e lasciando comunque la bocca pulita.

Per coloro che tendono a trovare molte pils “anonime” questa è senz’altro una buona opzione, risultando al contempo sia pulita, elegante e non invasiva, che con una sua personalità.

Sono poi passata alla Pink, che pur essendo una blanche usa un lievito da weizen: ed è infatti questo a spiccare su tutto all’aroma, pur esaltando di più la componente speziata rispetto a quella della banana (Lorenzo ha spiegato la cosa col fatto di averlo fatto lavorare a 18 gradi, temperatura a cui vengono liberati di più questi profumi).

Le spezie utilizzate – coriandolo, buccia d’arancia e zenzero – si amalgamano in maniera tale da rendere difficile distinguere l’una dall’altra, e si armonizzano bene nell’insieme; mi sono trovata a definirla nel complesso una birra “saporita”, perché “riempie” il palato in tutti i suoi sapori, con un finale tra l’acidulo e lo speziato.

Personalmente l’ho trovata più vicina ad una weizen che ad una blanche pur usando frumento non maltato, sia per la presenza del lievito che per quella tutto sommato discreta delle spezie che caratterizzano le birre di frumento belghe. Da ultimo mi ha nettamente incuriosita la Bird, che conta il 2% di malto affumicato, il 9% di avena, e l’aggiunta di chips di quercia francese in fermentazione. La componente affumicata domina nettamente sia all’olfatto che al palato senza pregiudicare comunque la bevibilità, complice anche il corpo non troppo robusto come tipico per le porter; il pensiero corre quasi alle rauch tedesche, che pur sono tutt’altro genere e presentano un corpo ancor più esile. Non si può dire però che Lorenzo abbia voluto strafare: l’affumicato domina sì ma non soverchia, e una certa rotondità data dall’avena è comunque riconoscibile. Il finale è lungo e ben persistente, come prevedibile per una birra affumicata.

Da ultimo mi ha nettamente incuriosita la Bird, che conta il 2% di malto affumicato, il 9% di avena, e l’aggiunta di chips di quercia francese in fermentazione. La componente affumicata domina nettamente sia all’olfatto che al palato senza pregiudicare comunque la bevibilità, complice anche il corpo non troppo robusto come tipico per le porter; il pensiero corre quasi alle rauch tedesche, che pur sono tutt’altro genere e presentano un corpo ancor più esile. Non si può dire però che Lorenzo abbia voluto strafare: l’affumicato domina sì ma non soverchia, e una certa rotondità data dall’avena è comunque riconoscibile. Il finale è lungo e ben persistente, come prevedibile per una birra affumicata.

A Lorenzo non mancano i progetti per il futuro: in quanto birrificio agricolo già utilizza il malto del suo orzo, ma è comparsa, a livello sperimentale, qualche piantina di luppolo Styrian Golding. Sono poi in dirittura d’arrivo i lavori per l’apertura del brewpub al piano superiore dello stabile che ospita il birrificio – dove già c’è un piccolo punto degustazione – e dove Lorenzo conta di offrire in abbinamento ale sue birre prodotti tipici del territorio, in collaborazione con aziende agricole locali – oltre a buona musica naturalmente, ma questo va da sé. In quanto a me, il progetto è quello di assaggiare la Seattle che ho ancora in frigo, date le buone premesse…

 

Lo staff del portale Nonsolobirra.net, ringrazia Chiara Andreola

per la disponibilità e la collaborazione.

http:// chiaraandreola.blogspot.it/